La Voce del Parroco

Carissimi,

stiamo quasi per uscire dalla “palestra” dell’avvento. Proprio in questi giorni la provvidenza mi ha fatto trovare una bella frase del famoso pugile Muhammad Alì: «I campioni non si fanno nelle palestre. I campioni si fanno con qualcosa che hanno nel loro profondo: un desiderio, un sogno, una visione».

Uscendo dalla palestra dell’avvento potremmo accorgerci di non aver fatto bene gli esercizi, di aver tralasciato qualche allenamento. Potrebbe accadere di arrivare a Natale e realizzare che non ci siamo mai fermati a pensare all’importanza della venuta di Gesù, che non siamo riusciti a fare quello che ci eravamo proposti.

Al contrario potrebbe accadere che uscendo dalla palestra dell’avvento quest’anno ci sentiamo soddisfatti per aver raggiunto un buon livello di preparazione spirituale. Potrebbe accadere di arrivare a Natale e realizzare che la preghiera, l’ascolto della Parola hanno dato i loro frutti; però ci domandiamo se tutto questo continuerà anche dopo Natale.

Non importa come stiamo arrivando al S. Natale, l’importante è che nel profondo ci siano in noi un desiderio, un sogno e una visione.

Un desiderio: che Dio trovi sempre nel nostro cuore un posto dove nascere per raccontarci quanto ci ama.

Un sogno: che Dio ci parli sempre, anche quando siamo distratti o dormiamo, per raccontarci che solo con Lui possiamo essere felici.

Una visione: che realmente la nostra vita cambi, che la storia del mondo cambi. Ma forse dobbiamo imparare a guardare tutto con gli occhi di Gesù e con la potenza del suo sguardo far fiorire il deserto e rischiarare il cielo dentro e fuori di noi.

 

Don Marco

 





Informazioni aggiuntive